Orticellobello

maggio 30, 2010

Aggiornamenti rapidi.

Ecco, ci siamo: i pomodori tirano fuori i loro fruttini piccoli, verdi, lucidi e sodi. Ne abbiamo contati già una decina nascosti in mezzo alle foglie e ai fiori gialli.

pomodoro e pomodorinoforesta pomodori

A questo punto li stiamo innaffiando in linea di massima a giorni alterni, ma visto che il clima ancora non è cambiato drasticamente, spesso troviamo la terra ancora umida e ci limitiamo a dargli una spruzzatina alla parte aerea, per mandare agli aleurodidi il messaggio che non è finita qui.

cetriolo

Il cetriolo ci ha decisamente preso gusto: continua la sua scalata e la sua fioritura bellissima e, non stanco, ci delizia ancora coi suoi germogli.

Gli spinaci giganti matador proliferano. Stanno facendo diventare la parte superiore del vaso tutta verde, sono molto rilassanti da osservare. Li innaffiamo spesso, praticamente appena la terra si asciuga.

Anche le melanzane sono riuscite a sovrastare il timo e ci mostrano le fogliolone un po’ mangiate dai bruchi (che M ha prontamente fatto fuori a mani nude – non è vero, ha usato un tronchetto!).

Non c’è che dire: dare uno sguardo fuori, vedere la terra zappettata e questo verde simpatico che ti saluta, mette già di buonumore.

spinaci matador

Annunci

maggio 6, 2010

Il timo fiorito.

Filed under: Aromatiche — Tag:, , , , , — orticellobello @ 7:15 pm

Il timo è fiorito.
Ci ha mostrato delle piccole infiorescenze rosate che mi piace molto andare a guardare e che stanno invadendo la melanzanona a fianco.
melanzana e timo Le aromatiche mi affascinano molto, mi piace l’idea di averle pronte e            fresche per quando cucino. E anche l’idea di vedere le foglie intere piuttosto     che già essiccate e spezzettate.
Ho raccolto informazioni sul timo. La fioritura avviene da maggio a luglio,     a seconda del clima. I suoi principi attivi hanno proprietà antisettiche,    antibatteriche (specie nelle infezioni intestinali) e antiossidanti. Stimola l’appetito e favorisce l’assimilazione    dei grassi. Non predilige un determinato tipo di terreno, si adatta molto facilmente in terreni asciutti, sassosi, poveri e argillosi, purchè siano abbastanza soleggiati. La raccolta  deve avvenire all’inizio della fioritura, oppure subito prima e si conserva bene al fresco e all’ombra.

Un altro acquisto è stato il rosmarino, che però non sta crescendo particolarmente. L’abbiamo piantato a terra da quasi 3 mesi, ma non si è sviluppato granchè.
rosmarinoNon l’abbiamo nemmeno usato in cucina, quindi ancora non sappiamo come sia l’aroma, ma gli diamo del tempo.

Anche il rosmarino è un arbusto rustico che non ha particolari esigenze, a parte avere una buona dose di sole. Sembra che la pianta di rosmarino tenga lontani gli insetti dalle piante che lo circondano ma non ho avuto modo di verificarlo.

Ah, manca la salvia, ma non posto una foto per decenza: speriamo che si riprenda presto.

Blog su WordPress.com.