Orticellobello

giugno 11, 2011

Il risveglio di Orticellobello.

Filed under: aglio, Cetriolo, mais, melanzane, orto sperimentale, peperone, Pomodoro, porri, zucchine tonde — orticellobello @ 11:45 am

In realtà Orticellobello si è svegliato già da un po’ di tempo.
Io e M, invece, siamo ancora un po’ intorpiditi dal lungo inverno. Inverno che non è stato per niente produttivo, mannaggia.
Presi alla sprovvista dall’invasione dei gatti – in realtà sono al massimo due, ma vista l’estensione modalità tovaglia da picnic di Orticellobello, è stato un vero trauma – abbiamo impiegato un po’ di tempo a passare al contrattacco, perciò nei mesi più freddi siamo riusciti solamente a coltivare un po’ di rucola, qualche spinacio e dell’aglio.

L’aglio è un signore curioso: si prende uno solo dei suoi spicchi e lo si interra verso gennaio. A fine aprile, per evitare che disperda le sue energie nella fioritura, molto bella, lo si piega alla base e si aspetta che le foglie si secchino. Agli inizi di giugno si possono estirpare i bulbi e lasciarli a seccare in un posto asciutto, possibilmente ventilato.

Quest’anno ci sono state grosse novità per Orticellobello.

Innanzitutto non abbiamo comprato nemmeno una piantina ma, d’accordo con Cognato e Sorella, abbiamo acquistato dei semi, li abbiamo piantati e atteso con pazienza che germogliassero.
L’unico seme che non ha dato soddisfazioni è la luffa, germoglio non pervenuto. Pazienza, ci ritenteremo. Non possiamo avere tutti il pollice verdissimo come signora L, che invece ha avuto il privilegio di vederla nascere.
Come seconda cosa, quest’anno Orticellobello è un po’ ingarbugliato.

Ci gonfiamo un po’ dicendo che è una prova di orto sinergico. In realtà è venuto su come il risultato di un incrocio tra pigrizia e curiosità. Quest’anno niente girasole, purtroppo.

L’anno scorso i semi se li sono sbafati tutti i cardellini e nei mesi scorsi ci siamo dimenticati di seminarli. E’ nata casualmente una sola piantina, spazzata via da un assalto dei gatti quando era solo alla sua decima o undicesima foglia.

L’anno prossimo rimedieremo. Al loro posto è venuta su la gang del mais.

Queste piantine ci piacciono molto, siamo curiosi di vedere sino a che altezza arrivano. M. dice, indicativamente, molto alta, circa così.

Altra novità: i porri e le zucchine tonde, che stanno convivendo nello stesso vaso, per il momento amabilmente.

Abbiamo tardato un po’ a seminare le zucchine, speriamo che diano soddisfazioni, comunque. Intanto, per uno scherzo del destino, abbiamo trapiantato più cetrioli che zucchine lunghe. Seminare non è come piantare le piantine già nate. Se non hai un po’ di dimestichezza nel riconoscere le foglie, quelle piantine ti fregano! Quest’anno abbiamo imparato che è bene potare qualche foglia ogni tanto, per avere una produzione maggiore di cetrioli. Intanto ieri abbiamo mangiato il primo della stagione, profumatissimo e succoso. Ha fatto da contorno a dei burger di lenticchie, patate e tofu. Soddisfacente. Ignari, i suoi compagni si crogiolano in mezzo ai fiori e vicino alle minuscole piantine di peperone (seminate in ritardo anche quelle…).

Le zucchine, invece, stentano a mostrare i loro fiori, ancora in preparazione. Tutte eccetto una, che mostra frutto e fiore insieme e che abbiamo già adocchiato… gnam!

Per quanto riguarda i pomodori, abbiamo seminato il nero di crimea e il ciliegino. Ora sono già grandicelli ma abbiamo avuto lo stesso problema che con le zucchine e i cetrioli: non sappiamo dove siano posizionate le diverse varietà.

Sino a quando non daranno i primi frutti saranno solo sig. Pomodori.

New entry: la zucca. Ha delle foglie bellissime striate e sta preparando dei fiori che non abbiamo capito se potremo mangiare o meno, onde evitare di danneggiare i frutti futuri. La varietà questa volta la conosciamo: è quella dolce, napoletana.

Abbiamo avuto anche qualche fragola, utilizzata fresca fresca per il nostro frullato mattutino, ma che non siamo riusciti ad immortalare. Anche le melanzane crescono, speriamo che continuino a darci soddisfazioni, anche se quest’anno sono a terra e perciò molto esposte alle incursioni feline…

Vi salutiamo col melo e col nasturzio, di cui andiamo molto orgogliosi.

settembre 29, 2010

Primi giorni d’autunno.

Filed under: carote, cipolla tropea, peperone, Piantine Melanzana, rucola — orticellobello @ 6:02 pm

Domenica ho comprato 3 confezioni di semi: cipolla rossa di tropea, cicoria catalogna frastagliata e rucola coltivata.
Un paio di giorni prima abbiamo comprato una piantina di lavanda e un’altra piantina di timo.
Ci prepariamo per la collezione autunno-inverno Orticellobello 2010 e, come nostro solito, piantiamo un po’ di cose casualmente.

Intanto le piantine di peperoni non si sono adagiate sugli allori, regalandoci uno sprint finale di firoiture e peperoncini più piccoli ma belli lucidi e carnosi. Aspettiamo che diventino un po’ rossi prima di sgranocchiarli.

Anche le melanzane hanno tirato fuori i loro ultimi fiori morbidosi e alcuni frutti sono già pronti per essere colti.

La rucola dà più soddisfazioni dei semi di peperoncino di M.
Quello che so della rucola è che la pianti due giorni fa e il giorno dopo è così:

E dopo due giorni, invece, è così:

Sono soddisfazioni. L’abbiamo seminata a spaglio in un vaso lungo circa 60 cm e profondo 30, dove abbiamo piantato le carote.
A proposito: sono uscite piccoline ma dolcissime. Dobbiamo ripetere l’esperimento mischiando della sabbia alla terra.
I vecchi saggi dicono di diradare la rucola appena possibile. Ho letto che va cimata con una certa frequenza per evitare che fiorisca subito e che se la si raccoglie quando è giovane ha un gusto meno deciso di quando viene raccolta in età avanzata.
Pare anche che più frequenti sono le annaffiature, meno selvaggio è il gusto che si ottiene. La rucola, mangiata regolarmente per almeno 15 giorni, ha un effetto diuretico e disintossicante. Le sue foglie sono ricche di vitamina C e sali minerali. Inoltre viene impiegata anche come stimolante per le persone che si trovano in uno stato psico-fisico debole.

Potremmo provare a seminarla in vari periodi in modo da non rimanere senza. Appena sfoltiremo i signori Pomodori, ormai vecchi e stanchi, semineremo un po’ di rucola, un po’ di cicoria e qualche cipolla in quel rettangolino di terra.

Blog su WordPress.com.